Area geografica: Kenya
Finanziatore: Regione Emilia-Romagna
Periodo: 12 mesi
Area tematica: Educazione inclusiva
Capofila: Cittadinanza Onlus

Partner italiani: Comune di Santarcangelo di Romagna; Unibo
Partner locali: Koinonia Community; Miti Alliance ltd

Obiettivo generale: Accesso alla salute per le fasce vulnerabili della popolazione keniana
Obiettivi specifici: Accesso ad una nutrizione sana e bilanciata ai bambini con disabilità di Kibera e Riruta; supportare l’accesso alla riabilitazione e all’assistenza medica dei bambini con disabilità e delle loro famiglie nelle subcontee di Kibera, Dagoretti e Kajiado Nord; sostenere l’empowerment di giovani donne, madri di bambini con disabilità, delle subcontee di Kibera, Dagoretti e Kajiado Nord; promuovere l’educazione inclusiva e il diritto all’istruzione dei bambini con disabilità delle subcontee di Kibera, Dagoretti e Kajiado Nord.

Sintesi del progetto:
Il progetto è realizzato da un partenariato solidamente fondato su collaborazioni pluriennali. Implementato a Nairobi e Kajiado, nelle subcontee di Kibera, Dagoretti e Kajiado Nord, vede come beneficiari dell’azione circa 140 bambini con disabilità delle aree più povere insieme alle loro famiglie, oltre a studenti ed insegnanti di 10 scuole target.

L’azione mira a garantire il miglioramento della salute dei bambini tramite il contrasto alla malnutrizione (70), l’accesso ai servizi riabilitativi e ausili (60), oltre a tutelarne il diritto all’educazione tramite l’accesso a scuole inclusive (10), in un’ottica multisettoriale che si ispira ai principi dello Sviluppo Inclusivo su Base Comunitaria (SIBC).

Sarà data priorità ai bambini più piccoli e con un quadro clinico più grave. Beneficeranno di un cambiamento significativo anche 150 madri dei bambini, in maggioranza giovani e sole, con bassa scolarizzazione e in larga maggioranza prive di un’occupazione stabile che avranno accesso ad un percorso di empowerment che fornirà loro supporto psico-sociale individuale e di gruppo, momenti formativi e informativi sulla disabilità, sulla salute propria e dei figli, sulla nutrizione. Sarà inoltre garantito loro l’accesso a percorsi di empowerment economico in un’ottica di riscatto e costruzione dell’autonomia. Nelle scuole target il progetto porterà una riflessione ampia e condivisa sull’educazione inclusiva, coinvolgendo gli attori attraverso diversi strumenti: gli insegnanti con proposte formative e strumenti di progettazione educativa; dirigenti e funzionari tramite forum; studenti partecipanti agli School Clubs, sensibilizzati al tema dell’inclusione letta come opportunità e non come vincolo.

Per un’azione efficace e lungimirante di advocacy per l’educazione inclusiva, saranno coinvolti attivamente i rappresentanti delle Organizzazioni di Persone con Disabilità, nel rispetto della UNCRPD. Tutti i beneficiari saranno coinvolti in maniera attiva, secondo quanto auspicato dal SIBC e dalla citata Convenzione, che indicano nel protagonismo delle persone con disabilità e della comunità dal basso un pilastro irrinunciabile per la costruzione del cambiamento.