educaid.it

Le attività, i progetti e la situazione di Gaza City

La delegazione di educatori riminesi in Palestina è arrivata a Gaza lo scorso venerdì pomeriggio. La situazione è come sempre al limite del sopportabile: il valico con l'Egitto è chiuso, tutto entra con il contagocce, manca ogni cosa. Ma si cerca di guardare al futuro e portare avanti i progetti di Educaid di aiutare i bambini nelle scuole e negli asili a superare gli effetti traumatici del conflitto. Il racconto di Francesco Cavalli

 

Abbiamo tutti davvero paura, e dire paura è dire poco, non sappiamo quando... se la bomba ci cadrà addosso questa notte, domani o mai. Speriamo mai! Ieri abbiamo sentito un'esplosione molto forte, pensavamo ecco ci hanno colpiti. Era la casa vicina.
Sono le parole di Yousef Hamdouna il 19 novembre dello scorso anno. Da poco erano ripresi i bombardamenti sulla striscia di Gaza da parte delle forze israeliane e Yousef era in collegamento skype con alcuni amici di EducAid di Rimini.
Ancora siamo vivi, e questa è già una buona cosa. In realtà non so neanche se è una buona cosa. Solo uscire di casa è una cosa difficile. È difficile stare sotto le bombe. Mia figlia parla con la bambola e le dice che quello che cade dal cielo è pioggia, ma non è pioggia. Quando hai dei figli è ancora più difficile. La domanda che mi manda fuori di testa è: come stai? Rispondo: sto sotto le bombe. Nessuno ha voglia di mangiare, si cucina ... perché si cucina, ma poi nessuno mangia. Io sono una persona semplice, voglio solo vivere, io, mia moglie e i miei figli. 

27 settembre 2013, è proprio Yousef che mi accoglie all'ingresso a Gaza dopo aver varcato il valico di Erez. È venerdì pomeriggio, per strada poca gente, oggi è giorno di festa e tutti sono a pregare in moschea o sono a casa. Attraversiamo a piedi Jabalia mentre sentiamo la voce del sermone dell'imam diffondersi dai megafoni del minareto. - Sta parlando dell'occupazione di Israele e della difficoltà di vivere a Gaza. Ogni venerdì, alla preghiera, è un'occasione per testare la situazione. Le prediche hanno sempre un taglio politico. - Poi Yousef mi indica una pompa di benzina. - Ecco in questi giorni quella è la nostra condanna, non arriva il carburante e dobbiamo ridurre l'uso dell'auto. - Ora che Rafah è completamente chiusa (il valico con l'Egitto), tutto può entrare solo da Israele ed entra tutto con il contagocce. Se vuoi comperare un'auto nuova oggi a Gaza devi avere la pazienza di aspettare almeno 6 mesi. Sperando sempre che nel frattempo non succeda nulla.

Si avvicina il tramonto, la luce diventa davvero bella per qualche foto sul lungomare e sul porto di Gaza City. La città si rianima. Cortei di auto che suonano il clacson ci portano dentro alla vita di Gaza. Sono matrimoni, è la vera grande occasione per festeggiare, forse l'unica. Nel giro di un'ora ne incontriamo addirittura tre.
Anche all'indomani incontriamo una Gaza viva, giovani e bambini per strada. Lungo la spiaggia gli stabilimenti balneari sono ancora aperti così come gli alberghi che oggi vivono prevalentemente delle feste di matrimonio. Non ci sono turisti che vengono a Gaza da fuori della striscia. In pochi infatti riescono ad entrare e chi lo fa è per motivi specifici, non per turismo. Così gli hotel di Gaza ospitano i palestinesi di Gaza. Una economia che si alimenta al suo interno.
È ancora stagione di bagni al mare, molti bambini, qualche donna interamente vestita, meno uomini adulti. Sembra davvero possibile una vita normale.

Rafah, all'estremo sud, al confine con l'Egitto ci riporta in una situazione più complicata. Dopo la caduta dei Fratelli Musulmani i rapporti fra Gaza ed Egitto si sono infatti chiusi radicalmente. Hamas che qui a Gaza ha il controllo politico e militare è stata più volte accusata di aver sostenuto le azioni dei Fratelli Musulmani in Egitto. I tunnel che fino a poco tempo fa erano la principale via di rifornimento dei beni per tutta la striscia oggi sono praticamente chiusi. Quando ci rechiamo vicino al confine veniamo fermati dai militari di Hamas. Non possiamo proseguire, l'area è proibita, troppo rischiosa. Da qualche giorno ci sono scambi di artiglieria fra palestinesi ed egiziani che dalle torrette controllano il confine.

Si sente qualche cosa nell'aria, quando parli con la gente. Pensiamo che debba succedere qualche cosa, che possa succedere qualche cosa e questa volta ce l'aspettiamo dall'Egitto, non da Israele. Yousef non nasconde la sua preoccupazione. L'unica parte di confine amica fino a poco tempo fa oggi è diventata più lontana del confine con Israele. Entrare e uscire da Gaza rimane sempre un'impresa difficile. Difficile ottenere permessi da Israele, difficile e pericoloso entrare e uscire dall'Egitto.
Gaza rimane quella che ho conosciuto la prima volta che ci sono venuto, nel 2004. Una striscia di terra lunga una quarantina di chilometri e larga mediamente sette, chiusa dai muri sui tre lati di confine, due con Israele e uno con l'Egitto e davanti il Mediterraneo, ma solo per 5 miglia, poi le navi militari israeliane hanno il controllo totale delle acque.

Dopo la tregua di novembre 2012 hanno allargato lo spazio di pesca prima ristretto a 3 miglia. In questo spazio di mare si pesca molto meno. Addirittura per qualche mese hanno permesso di pescare anche a 6 miglia dalla costa. Ho mangiato un pesce che non avevo mai mangiato prima. Qui a Gaza lo chiamavamo il pesce delle tregua.

Mi appresto a lasciare Gaza, tre giorni di incontri con questa realtà viva e piena di contraddizioni. Abbiamo incontrato diverse attività di progetti educativi, EducAid è attiva da oltre 10 anni con diversi partner. L'attività principale è aiutare i bambini nelle scuole e negli asili a superare gli effetti traumatici del conflitto, dare loro la possibilità di guardare al futuro con una prospettiva positiva. Sono molti ad essere impegnati per questo. Sembra davvero possibile una vita diversa, normale, anche a Gaza.

Francesco Cavalli - 1 Ottobre 2013

educaid

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *